GAMeC, svelata la prima mostra di sempre su Peterzano

Ha aperto i battenti alla GAMeC di Bergamo, distaccamento dell’Accademia Carrara, la prima mostra di sempre su Simone Peterzano.

Un paradosso della storia dell’arte, che le rassegne espositive non hanno mai lodato abbastanza rispetto a quanto effettivamente ha saputo dare, come collante culturale tra il Cinquecento e il Seicento, crescendo tra gli esponenti lagunari, in particolare seguendo Tiziano come maestro. Quindi tramandando la lezione agli interpreti lombardi, e a Caravaggio in modo specifico, formatosi nella sua bottega di Milano.

Il percorso-omaggio, curato da Simone Facchinetti, Francesco Frangi, Paolo Plebani e Maria Cristina Rodeschini, percorre quindi temporalmente la carriera dell’artista veneziano, mentre ad arricchire il filone principale sul protagonista, spuntano qua e là capolavori di Tiziano, Tintoretto, Veronese e Caravaggio.

20200206_103723

Nove le sezioni in visione: la formazione e la giovinezza di Simone Peterzano, all’ombra di Tiziano; iconografia della musica; soggetti erotici; Angelica e Medoro: echi e riflessi letterari; Peterzano e la pratica del disegno tra Veneto e Lombardia; l’arrivo a Milano: le pale per i Barnabiti; la Milano di Carlo Borromeo; l’affermazione lombarda di Peterzano; Michelangelo Merisi da Caravaggio.

La prima sala cattura subito l’attenzione con i due imponenti teleri sui barnabiti, tratti dalla chiesa di San Paolo e Barnaba di Milano, opere dimensionalmente impressionanti, le più grandi mai realizzate dall’artista, qui all’opera già nel contesto meneghino.

La rassegna è un approfondimento completo, indagando sia la produzione con soggetti più frequenti nell’arte, si veda la serie di Madonne col Bambino, sia ambiti meno “gettonati” come il profano, il soggetto erotico, in contrapposizione ad un soggetto religioso, costante nella storia dell’arte. Come non mancano incursioni nella mitologia.

L’esposizione è frutto del lavoro di ricerca e di riscoperta di Peterzano, un’attività cominciata circa 30 anni fa, e vanta numerosi prestiti internazionali da siti espositivi di fama riconosciuta, si vedano i Musici di Caravaggio, in prestito dal Metropolitan di New York. Perchè a Bergamo? Da studi condotti sulla sua figura e la famiglia, pare avesse origini bergamasche. 

20200206_102004

Info

Tiziano e Caravaggio in Peterzano, Accademia Carrara Bergamo

6 febbraio-17 maggio

Lunedì – venerdì, 9.30 – 18.00 (chiuso martedì)

Ultimo ingresso: individuali 17.15 | gruppi 16.45

Sabato e domenica, 9.30 – 19.00

Ultimo ingresso: individuali 18.15 | gruppi 17.45

Aperture serali straordinarie

venerdì 14 febbraio, 13 marzo, 17 aprile, 15 maggio
18.00 – 22.30

Info biglietti qui

 

Prenotazioni

035 234396 | da lunedì a venerdì

035 4122097 | sabato e domenica e festivi

mostre@lacarrara.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...