Una quadreria per la città di Arcore, Berlusconi presenta il progetto

Una pinacoteca per la città di Arcore con i capolavori della collezione del Cavaliere.

Non è solo una pensata estemporanea: quello di Silvio Berlusconi è un progetto in cantiere da tempo, e proprio pochi giorni fa protocollato negli uffici del comune brianzolo, con la richiesta di realizzazione di una pinacoteca, all’interno del vasto parco di Villa San Martino. Una struttura imponente, di circa 3.200 metri quadri, che avrebbe un riflesso pubblico inimmaginabile. La passione del cavaliere per l’arte d’altra parte non è una novità, e fulgida prova ne sono alcune opere detenute nella nota residenza arcorese, di grande valore economico.

Nella sala da pranzo della villa fanno infatti bella figura l’Antea del Parmigianino, rinomata cortigiana del Rinascimento, e una Monna Lisa Nuda, una variante della più famosa versione del Louvre, ma a seno scoperto, e sulla cui paternità imperversano molti interrogativi. Ma non è escluso che la mano possa essere proprio quella di Leonardo. E che dire allora della Gioia Tirrena di Plinio Nomellini, alias Isadora Duncan, il mito della danza immortalato sulla battigia di Viareggio dall’artista livornese.

gioia tirrena - plinio nomellini
Plinio Nomellini, Gioia Tirrena

Il quadro, databile al 1913-14, venne scomposto in due parti dall’autore una ventina d’anni più tardi, e quella con il soggetto interamente visibile danzante sulla spiaggia toscana è in mano al Cavaliere.

Ma la carne al fuoco è davvero tanta e di qualità. Si pensi solo che nella sua collezione si può ammirare un ritratto della Marchesa Casati Stampa, ossia Anna Fallarino opera del milanese Pietro Arrigoni, il pittore delle regine, così denominato per la sua nomea di riproduttore di volti coronati dell’aristocrazia europea.

Inutile dire che un progetto di questa portata farebbe di Arcore un centro di promozione della cultura con pochi eguali nei paraggi, se si somma anche il patrimonio della Villa Borromeo d’Adda, con la quale la futura quadreria potrebbe avviare un rapporto di stretta collaborazione. Intanto il primo importante passo è stato compiuto. E dopo il restauro della dimora di delizia, concluso nel 2018, quello del sindaco PD Rosalba Colombo, questo regalo alla cittadinanza sarebbe un congedo coi fiocchi dal suo doppio mandato, in scadenza nel 2021.

antea - parmigianino
Parmigianino, Antea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...