Keith Sonnier, il dietro le quinte del post-minimalismo alla Galleria Fumagalli

Non si vede la sua luce, ma con un pò di fantasia la si può accendere e immaginare.